• Corp Network
 

Lettera a Mons. Bregantini dagli ex-detenuti

Nel salutare cordialmente, a nome di tutti gli ex detenuti, sua Eccellenza Mons. Giancarlo Maria Bregantini, mi piace sottolineare che nel progetto "Potamos" ci viene offerta una grande opportunità di reinserimento nel mondo del lavoro, grazie alla cooperativa "Valle del Bonamico".
Tutti noi, crediamo nella opportunità di questo progetto, che ci vede impegnati e sollecitati ad intraprendere un nuovo percorso di vita, laddove, attraverso la realizzazione di nuove cooperative, possiamo realmente sentirci realizzati e integrati in un processo di reinserimento lavorativo, attraverso il quale ci realizziamo come persone. In particolare, intendiamo fare azienda in un settore trascurato o del tutto dimenticato e, per questo, quanto mai innovativo. In particolare, mi riferisco alla possibilità di realizzare più aziende, per la salvaguardia della dall'estinzione orami certa, del maiale nero calabrese, dalla particolarità dei bargigli (in dialetto "Margare"), che pochi conoscono. Una particolarità tipica della Locride che si trova nel territorio di Pietra Kappa, habitat naturale di una razza particolarmente prolifera e superiore, in quanto a qualità, rispetto ad altre razze di suini neri presenti in altre zone della Calabria e dell'Italia più in generale.
Con la cooperativa "Valle del Bonamico" abbiamo realizzato una visita a Benevento presso un Istituto di selezione genetica, per vedere da vicino un allevamento di maiale nero Casertano. Si intende ora presentare la nostra idea progettuale alle istituzioni a noi vicine, ritenendo questa una importante opportunità per l'inserimento di noi ex detenuti nella società e nel mondo del lavoro, e per il territorio della Locride.
Malgrado il nostro entusiasmo e la nostra convinzione per ciò che ci viene prospettato, non ci illudiamo; infatti, la strada dell'integrazione è ancora lunga e va affrontata con coerenza e rigore. È auspicabile che sul piano sociale si realizzi l'incontro di costumi, tradizioni, culture e linguaggi i quali, intrecciandosi, si aprono al dialogo e al confronto per una convivenza pacifica e costruttiva, capace di favorire la reale integrazione di quelle categorie, come noi ex detenuti, che se ben guidati contribuiranno all'apprezzamento reciproco e a smussare le molte tensioni accumulate nel tempo.
Saremo così, per la società tutta, non solo un problema da risolvere, talvolta in modo sbrigativo ed estremo, ma una reale opportunità di vera crescita e progresso integrale. A volte, ci sentiamo manipolare come burattini dall'opinione pubblica, che è creata da coloro che ci vogliono far ballare al loro ritmo. Se poi noi ci confrontiamo con le parole del Vangelo: "Ero forestiero e tu mi hai accolto", suscita in noi un profondo e serio interrogativo: la strada che stiamo percorrendo ci porterà al completo riscatto della nostra vita?
Per questo come ex detenuti facciamo un accorato appello a tutte le Istituzioni, in particolare a quelle preposte alla soluzione positiva delle nostre sane aspettative. Mentre esprimiamo la nostra gratitudine alla Chiesa, nella persona di sua Eccellenza, al presidente della cooperativa "Valle del Bonamico", alle Associazioni di volontariato, dall'altra esprimiamo il nostro dispiacere per tutte quelle realtà istituzionali e sociali che mostrano chiaramente di non credere in noi, attraverso un ostruzionismo culturale, fondato su luoghi comuni. È un modo inaccettabile, di pensare e di agire perché in forza della nostra natura sociale siamo, in qualche modo, un corpo unico e il male come il bene di uno si ripercuote negli altri. La persona non può mai dire "non è affar mio", ognuno è responsabile di tutti.
L'esigenza del rispetto del diritto è dovere per tutti, perciò ci limitiamo a richiamare alcuni punti essenziali, nell'intento di offrire un nostro contributo alla riflessione seria che riteniamo necessaria su questa questione assai complessa e difficile a risolversi positivamente per tutti, ma che in ogni caso non può essere ignorata.
A tute le realtà istituzionali e sociali diciamo con forza: non spegnete la nostra speranza! Non affievolite il nostro entusiasmo! Credete in noi, perché noi crediamo in voi.
 
Gli ex detenuti del progetto "Potamos"

 

Altre news

24 Giu 2019
"La Collinetta" premiata dall'Accademia Italiana della Cucina
L'arte culinaria come ricerca sul territorio, atto d'amore che non scende a compromessi: "La Collinetta", azienda agricola socia di GOEL – Gruppo Cooperativo, ha ricevuto sabato scorso il premio "Dino Villani" 2019 dall'Accademia Italiana della Cucina. Il premio, dedicato all'impegno per la...
27 Apr 2019
Presentato a Catanzaro il progetto riCALABRIA - IdeAzioni per il cambiamento
Si è tenuto oggi al Parco della Biodiversità Mediterranea di Catanzaro l’evento di lancio di riCALABRIA, il progetto promosso da GOEL - Gruppo Cooperativo e dalla Comunità Progetto Sud che hanno deciso di allearsi per il cambiamento della Calabria. Don Giacomo Panizza, presidente d...
19 Apr 2019
riCALABRIA: GOEL – Gruppo Cooperativo e Comunità Progetto Sud insieme per il cambiamento
Comunità Progetto Sud e GOEL – Gruppo Cooperativo hanno deciso di unire le forze per innescare un percorso di cambiamento in Calabria. La sinergia è nata nei mesi scorsi: le due comunità, da anni presenti sul territorio, in sintonia sulla necessità di riscatto della Calabria per costruirsi il propr...
25 Mar 2019
Il Quinto Ampliamento con GOEL, una due giorni per costruire l'alleanza
Il Quinto Ampliamento e GOEL insieme per l’economia civile e l’etica efficace. L’associazione di Ivrea oggi e domani nella Locride Una due giorni per costruire insieme percorsi di economia civile ed etica efficace: l’associazione nazionale Il Quinto Ampliamento sarà nella Locride oggi e domani, in dialogo con GOEL – Gruppo...
22 Mar 2019
GOEL inaugura il suo stabilimento di confezionamento biologico nella Locride
Da GOEL – Gruppo Cooperativo un altro passo in avanti nel percorso di sviluppo economico dell’agricoltura biologica del territorio: uno stabilimento per il confezionamento degli agrumi biologici che verrà inaugurato venerdì 29 marzo alle ore 10. Lo stabilimento in contrada Socrà, a Caulonia Superiore, sarà l’unico attivo nella confezione di agrumi...
24 Gen 2019
Minacce di morte al socio di GOEL Bio titolare del ristorante “La Collinetta”
“Se non paghi 50mila euro sei morto. Ti brucio il ristorante, i figli e tutti i tuoi”: quattro diverse lettere con messaggi simili sono state recapitate nelle scorse settimane ai familiari ed allo chef Giuseppe Trimboli, socio di GOEL Bio e proprietario del ristorante “La Collinetta” a Martone (RC)...